ANA  AVIANO 
GRUPPO ALPINI C.BATTISTI 
SEZIONE DI PORDENONE 
 
  
CHI SONO GLI ALPINII 
 
 
 
    
      stelle alpine puls      
          
  
Ti aspettiamo a    braccia    aperte....
Iscriviti alla nostra associazione !
 
 
        
Che cos'è l'A.N.A  ? 
L'A.N.A. "Associazione Nazionale Alpini", fondata l'8 luglio 1919,è costituita da coloro che hanno appartenuto o appartengono alle Truppe Alpine, alpini, artiglieri da montagna, genieri, trasmettitori, paracadutisti, militari in organico alle Truppe alpine, in poche parole "ALPINI".  
Cosa si propone di fare?• 
tenere vive e tramandare le tradizioni degli Alpini, difendendone le caratteristiche, illustrane le glorie e le gesta;• rafforzare tra gli Alpini di qualsiasi grado e condizione i vincoli di fratellanza nati dall'espletamento del comune dovere verso la Patria e curarne, entro i limiti di competenza, gli interessi e l'assistenza;• favorire i rapporti con i Reparti e con gli Alpini in armi;• promuovere e favorire lo studio dei problemi della montagna e del rispetto dell'ambiente naturale anche ai fini della formazione spirituale ed intellettuale delle nuove generazioni;• concorrere, quale Associazione volontaria, al conseguimento dei fini dello Stato e delle pubbliche amministrazioni in materia di protezione civile in occasione di catastrofi e calamità naturali.
ECCOTI QUALCHE MOTIVO 
SOLIDARIETA' 
VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE 
FEDELTA' ALLA MONTAGNA 
STAMPA ALPINA: "L'ALPINO"  
LA PIU' BELA FAMEJA  
LA MANERA  
BAITA  E SOGGIORNI 
CORI E FANFARE 
SPORT (Gruppi Sportivi) 
ADUNATE  
Porta il "Cappello Alpino"  
con RISPETTO ed ORGOGLIO 
 
 
STORIA della ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI 
dal sito www.ana.it sede nazionale  
Quando al termine della prima guerra mondiale gli alpini tornarono a casa ("a baita"), nacque l'idea di una associazione che continuasse la fratellanza d'armi nata e cementata negli anni durissimi della guerra. Così un gruppo di reduci l'8 luglio 1919 costituì l'Associazione Nazionale Alpini. Avvenne a Milano, presso la sede dell'Associazione capimastro, gentilmente concessa, e fu l'inizio di una lunga, lunghissima marcia. Il primo presidente fu Daniele Crespi, il vice presidente Arturo Andreoletti, che era stato il principale ideatore della riunione in associazione dei reduci, e che negli anni successivi fu figura determinante nell'Associazione. L'Associazione trova la sua prima sede in galleria Vittorio Emanuele, a Milano; su un balconcino della sede, viene esposto permanentemente il tricolore. Vale la pena di raccontare un episodio che, accaduto nei primissimi mesi di vita della Associazione, ne indica però in via definitiva il temperamento e il carattere.  
Ecco i fatti. Nella giornata del 4 Novembre 1919 (primo anniversario della conclusione vittoriosa della guerra) la città di Milano - come molte altre italiane - è percorsa da bande di facinorosi che chiedono il ritiro di tutte le bandiere esposte. Le autorità suggeriscono di ritirare la "provocazione". Si noti che persino negli edifici pubblici non era più esposta la bandiera. Ma gli alpini, tutt'altro che disposti a subire l'intimidazione e la pretesa ingiusta e vile, chiariscono ai dimostranti, senza lasciare alcun dubbio, che avrebbero difeso la bandiera con tutti i mezzi ed a tutti i costi. E difatti i teppisti batterono in ritirata e la sola bandiera rimasta esposta in quel giorno in Milano fu quella della neonata Associazione Nazionale Alpini. 
Nel settembre del 1920 viene organizzata la prima adunata nazionale sull'Ortigara, dove una colonna mozza con inciso il motto "per non dimenticare" ricorda e simboleggia il sacrificio dei battaglioni alpini su quel tragico monte. A quel primo appuntamento ne seguono altri venti per giungere, sino al giugno 1940, a Torino: il secondo conflitto mondiale è alle porte, parecchi alpini sfilano con la cartolina precetto infilata nel cappello. Negli anni durissimi della guerra e dell'immediato dopoguerra, che videro la Associazione vivere in un regime pressoché di clandestinità, l'Associazione risorge. Nell'aprile del 1947, ricompare anche il giornale "L'Alpino", anch'esso nato nel 1919. 
Nell'ottobre del 1948 si svolge a Bassano del Grappa la prima adunata del dopo guerra: indimenticabile. I veci della guerra vittoriosa riconoscono che le "penne nere" reduci da una guerra sfortunata avevano compiuto il loro dovere fino in fondo: gli alpini dell'Albania e della Russia erano in sintonia con gli alpini del Monte Nero e dell'Ortigara. I raduni si susseguono, le file si infittiscono, l'Associazione è vitalissima. 
All'adunata nazionale di Brescia del 1970, il presidente dell'ANA Ugo Merlini, rivolgendosi al Ministro della Difesa, si esprime con queste parole: «Ritengo di non peccare di orgoglio dicendole che l'Associazione Nazionale Alpini è certamente una delle cose più pulite che ci siano in Italia, perché l'appartenenza ad essa si fonda sulla consapevolezza e sulla fierezza del dovere compiuto. 
     
Il Gruppo Alpini C.Battisti di Aviano sfila compatto davanti alle autorita' 
Chi entra a far parte dell'Associazione sa che potrà forse essere chiamato a "dare", ma non potrà mai "avere" niente... Più di centomila uomini, con la U maiuscola, sono sfilati stamane in ordine e in silenzio. Non protestavano, non minacciavano. Non gridavano "abbasso", perché questi uomini quando vogliono abbassare qualcuno, non glielo dicono prima: lo fanno, e lo fanno sul serio. E non gridavano nemmeno "evviva", perché volevano che il loro corteo fosse composto e ordinato e le grida sono da sempre manifestazioni di disordine». 
Da sempre l'ANA vive e rinnova la tradizione dei cittadini che hanno servito la Patria nelle truppe da montagna, ma la tradizione non è un bene che si eredita, e chi intende onorarla - come noi intendiamo onorarla e farne materia divita -deve continuamente  conquistarla con impegno 
 
Alcuni veci  in  una delle prime adunate Nazionali 
Viviamo la vita del nostro Paese e siamo consapevoli che il cammino della libertà e della democrazia che vi è connesso non è facile, perché colloca in primo piano i doveri, ancor prima dei diritti. Gli alpini percorrono questa strada con il loro passo, che è sempre cauto e mai incerto, nella convinzione che le opere contano di più delle parole, per quanto fiorite, e che la sostanza deve prevalere sull'apparenza. 
La prova più palese è la preoccupazione con la quale tutti gli iscritti guardano al continuo assottigliarsi dei reparti alpini alle dipendenze del 4° CAA fatto senza tenere conto né delle tradizioni né della storia non solo dei reparti così sacrificati ma anche di quella di intere vallate alpine o appenniniche. 
È con questi pensieri e sentimenti che l'Associazione Alpini si presenta a Padova per la 71a Adunata nazionale. Nata come atto di fedeltà ai valori delle tradizioni alpine e come confermato legame tra i reduci della prima guerra mondiale, l'Associazione Nazionale Alpini nel 78° anno di vita presenta un organico di oltre 340.000 soci, con 80 sezioni in Italia, 35 sezioni nei vari paesi del mondo, dal Canada all'Australia. Le sezioni si articolano in 4.272 gruppi. Nel 1919, anno di fondazione, gli iscritti erano 800: i dati di oggi ci dimostrano a tutta evidenza uno sviluppo veramente eccezionale di un sodalizio che unisce nelle sue file ufficiali, sottufficiali e soldati semplici di tutte le età, dai Cavalieri di Vittorio Veneto ai "bocia" congedati l'altro giorno, uomini di tutte le condizioni sociali e di tutte le professioni, esempio concreto di civile solidarietà. 
 
la prova del nove . Terremoto in  Friuli  anno 1976 
        
Pinzano : Gruppo dilavoro  per  i primi interventi dopo  il   terremoto 
zione ha perso da tempo la caratteristica originaria combattentistica, e questo per evidenti ragioni anagrafiche. Secondo le risultanze di una recente statistica, l'87% dei soci non ha dovuto prendere parte a conflitti, ma ha compiuto in tempo di pace il proprio dovere verso la Patria. L'età media degli iscritti si aggira sui 45 anni. L'Associazione è un'istituzione vitale, specchio positivo della società dalla quale attinge i propri componenti e nell'ambito della quale intende operare. 
Fedele a sentimenti quali l'amor di Patria, l'amicizia, la solidarietà, il senso del dovere, l'Associazione ha voluto e saputo esprimere queste doti intervenendo in drammatiche circostanze, nazionali e internazionali - dal Vajont (1963), al Friuli (1976/77), dall'Irpinia (1980/81), alla Valtellina (1987), all'Armenia (1989), alla quale è stato donato un attrezzatissimo ospedale da campo, al Piemonte, grazie ai nuclei di volontari appartenenti alle sezioni, impegnati costantemente anche in operazioni di prevenzione a carattere ecologico. 
A conferma della costante adesione al proprio motto "Ricordare i morti aiutando i vivi", l'Associazione ha costruito in due anni (1992/1993) di lavoro volontario dei propri soci, un asilo per 120 bambini nella città di Rossosch. La scelta del Consiglio direttivo nazionale cadde su quella città proprio perché in essa, durante la campagna di Russia 1942/1943 ebbe sede il comando del Corpo d'Armata alpino. 
La consegna alle autorità e alla cittadinanza è avvenuta il 19 settembre 1993. Per i due anni di lavoro necessari per il completamento dell'asilo, i volontari sono stati 721 suddivisi in 21 turni. Le ore di lavoro sono state 99.643. 
Il 19 marzo 1994 l'Associazione ha inaugurato l'ospedale da campo avioelitrasportabile, che sostituisce - migliorandolo - quello donato alla Nazione armena nel 1989. Nel novembre 1994, in occasione della calamità naturale che ha duramente colpito il Piemonte - e segnatamente le province di Alessandria ed Asti - l'Associazione tramite la propria Protezione civile, è stata presente sin dal primo momento, con una attività che ha non solo combattuto la natura avversa, ma anche rincuorato i cittadini, che lo hanno chiaramente dimostrato. 
E la cosa si è puntualmente ripetuta nel giugno - luglio 1996 in occasione dei nubifragi che hanno colpito la Versilia e Garfagnana. 
Il fascino della penna nera va oltre l'Associazione. L'ANA accoglie anche i simpatizzanti che non hanno compiuto il servizio militare nelle truppe alpine - denominati "soci aggregati" ma che desiderano affiancarsi al lavoro degli alpini: sono parecchie migliaia. Alla chiusura del tesseramento 1996 erano oltre 37.700. È giusto e onorevole ricordare che nei cantieri del Friuli, organizzati dall'Associazione in occasione del sisma, buona parte dei partecipanti erano "Soci aggregati". 
   
   
 
   Primi interventi  sulle case     Terremoto Friuli  1976
 
Lavoro sui muri  chiesa di Marsure
 
UN MERITATO  RICORDO DI UN ALPINO  D'ALTRI TEMPI 
 CIPOLAT LORENZO CHE  FU DIRETTORE DEI LAVORI  PER LA  COSTRUZIONE    
DELLA CAPPELLA DI PAL GRANDE 
(Tratto dal libro: Il Gruppo Alpini di Aviano nel 70° della costituzione) 
chiesetta Palgrande  
I soldati non avevano alcun rifugio in cui raccogliersi in preghiera quando, nelle fredde mattine invernali, la tormenta accecava e flagellava il viso e la paura gl'attanagliava l'animoi. Don Janes, cappellano del battaglione Tolmezzo, lanciò l'idea di costruire una cappella dove celebrare Messa e trovò subito larghi consensi. Tutti parteciparono al progetto, soldati e ufficiali. Il ten. Bruno D'Andrea disegnò la chiesetta, nel suo baracchino a Selletta Freikofel. I migliori scalpellini del battaglione, diretti dall'alpino Cipolat di Aviano, prepararono i blocchi di roccia viva. Il ten. Col. Ugo Pizzarello, irredento comandante del Tolmezzo,  incaricò il pittore veneziano Fragiacomo di dipingere una tela che ricordasse il sacrificio di tanti ragazzi. L'artista salì sul Pal Grande con la sua tavoletta 69x44 ed i colori ad olio e qui prese forma la "Madonna delle Nevi", soave, triste, coperta di gramaglie, con la corona d'alloro. La cappella, eretta in pochi mesi, in puro stile romanico, venne benedetta il 2-11-1916, alla presenza delle autorità civili e militari della zona. Mentre si celebrava la prima S. Messa, ci fu un bombardamento e miracolosamente non ci furono vittime. Per tutti fu un segno della protezione della Beata Vergine. La cappella fu meta di pellegrinaggi fino alla ritirata (23.10.1917) quando la tela della Madonna prese il passo verso l'Austria come preda di guerra. Il destino volle che la colonna austriaca si fermasse davanti alla Chiesa di Timau. Il sig. Mentil, sacrestano, intuì in quale carro si trovava la tela e, incurante del pericolo, riuscì a sottrarla e la celò in un posto sicuro. Dopo la fine del conflitto, a lui spettò l'onore di portare il quadro alla cappella di Pal Grande, nelle ricorrenze di cerimonie di suffragio. La Madonnina veniva qui lasciata per tutto il periodo dell'alpeggio, da giugno a settembre. Durante il resto dell'anno, assieme all'immagine del volto di Cristo del pittore Cesare Laurenti (dono del gen. Pizzarello alla cappella di Pal Grande), trovava ospitalità nel santuario del Cristo a Timau. Nel 1916 anche presso la casera di Pal Piccolo venne costruita una cappella, dal battaglione alpini "Val Tagliamento". Adiacente sorse il cimitero di guerra ove furono sepolti 633 caduti, traslati poi nel sacrario di Timau.  
 Alcuni 
Distintintivi delle Truppe Alpine 
  
 
          
 
 
        
 
 
                                                                                      homepage                                                               
stelle alpine puls